- - - A V V I S O - - I M P O R T A N T E - - -
- - - A V V I S O - - I M P O R T A N T E - - -
- - - A V V I S O - - I M P O R T A N T E - - -
- - - A V V I S O - - I M P O R T A N T E - - -

Form Submission: Dottorandi e Dottori di ricerca

Posizione: 
Dottore di ricerca
Cognome e Nome: 
Servilio Matteo
DOTTORATO/Curriculum: 
  • FILOLOGIA, LINGUISTICA E LETTERATURA
  • Critico e storico letterario e linguistico
Ciclo: 
XXV
Titolo Tesi: 
La trascrizione dell'intonazione. La notazione come sistema di rappresentazione del sapere linguistico
Tutor: 
Isabella Chiari
Abstract: 
Il lavoro di ricerca si inserisce nell'ambito degli studi sull'intonazione linguistica. Nello specifico esso si sofferma sulla descrizione e sull'analisi dei sistemi di trascrizione dell'intonazione elaborati da alcune delle principali teorie fonetiche e fonologiche. In particolare l'analisi è stata svolta a partire dai sistemi di rappresentazione elaborati prima del Novecento, come nel caso di Joshua Steele (1775) e Henry Sweet (1877), per poi guardare ai lavori del Novento (tra gli altri Palmer, 1922; Palmer & Blandford, 1924; Armstrong & Ward, 1931, Pike, 1945; Bolinger, 1961; Cruttenden, 1986), a quelli fortemente ispirati al modello notazionale musicale (Jones, 1909, Fonagy & Magdics, 1963), sino ai modelli tuttora in uso (es. ToBi) (Pierrehumbert, 1980; Silverman, Beckman, Pitrelli, Ostendorf, Hirschberg, & Price, 1992). Da questo punto di vista le diverse trascrizioni dell'intonazione costituiranno da un lato il risultato di pratiche scientifiche e dall'altro particolari schemi di codifica in grado di costruire e interpretare l'oggetto d'analisi. Il passaggio dal suono al segno grafico implica infatti l'apertura a una rete di questioni di ordine teorico generale che affondano le radici nelle nozioni di segno, di scrittura, di traduzione intersemiotica e rappresentazione. In questa direzione lo sfondo teorico è costruito in riferimento alle teorie classiche della semiologia a partire da Saussure, Hjelmslev, Bühler. Esse sono state poi arricchite dai contributi sulla scrittura e rappresentazione (ad es. Harris 1986, Gelb 1993, Cardona 1981, 1986, Goodman 1968, 1978) e quelli sulla sociologia della scienza (tra i principali Latour 1998, Goodwin 1990, 1992, 1993, 1994). Il principale obiettivo è dunque quello di mostrare, attraverso un'analisi critica dei modelli rappresentativi, le diverse pertinentizzazioni che hanno caratterizzato il segnale sonoro e di conseguenza la diversa costruzione che le teorie hanno fatto del proprio'"oggetto linguistico".
Breve curriculum: 
Matteo Servilio è dottorando di ricerca in Filologia, Linguistica e Letteratura, Università degli Studi di Roma "La Sapienza".   Titoli accademici 2008 Laurea in Discipline Semiotiche, Facoltà di Lettere e Filosofia, Alma Mater Studiorum di Bologna 2005 Laurea Triennale in Tecnica Pubblicitaria, Università per Stranieri di Perugia  Ricerca Progetti in corso: 2009-13   Ricerca di dottorato "La trascrizione dell'intonazione. La notazione come sistema di rappresentazione del sapere linguistico." 2010-13   Collaboratore del gruppo di ricerca nel progetto finanziato dall'Università La Sapienza di Roma "Web2Corpus. La negoziazione del senso in un corpus CMC", coordinatore prof.ssa I. Chiari. Interessi di ricerca: Semiotica, strutturalismo, storia della linguistica; musica; notazione; intonazione, prosodia, comunicazione parlata
Short CV (English): 
Matteo Servilio (Sulmona, 12-09-1981) is Ph.D. candidate in linguistics, Sapienza University of Rome. Academic degrees 2008 - Master’s Degree in Semiotic, Alma Mater Studiorum Bologna 2005 - Bachelor’s Degree Advertising communications, University for Foreigners of Perugia Research activity Current reaserch project: 2009-13   Doctoral research on "The transcription of intonation. Notation as system of representation of linguistic knowledge"; 2010-13   Collaboration in the Project "Web2Corpus.The negotiation of meaning in a corpus of conversational computer mediated communication", Sapienza University of Rome, headed by prof. I Chiari Research fields: Semiotic, structuralism, History of linguistic, music, notation, intonation, prosody, speech communication
Pubblicazioni: 
1. 2009 “In medio stat vox”. Osservazione sul rapporto parola/musica nel loro incontro con la vocalità, in M.P. Pozzato, L. Spaziante (a cura di), Parole nell’aria. Sincretismi fra musica e altri linguaggi, Atti del XXXVI Convegno nazionale dell’Associazione italiana di studi semiotici, Pisa: ETS, 2009, pp. 197-202, ISBN 9788846724335. 2. 2011 (con M. Falco) Campo di indicazione e campo simbolico. Il contributo di Karl Bühler alla teoria dell'enunciazione, in Esercizi Filosofici 6, 2011, pp. 329-346 ISSN 1970-0164